San Gerolamo penitente; san Giovanni Battista; San Giovanni Evangelista; san Giorgio; santo guerriero; Annunciazione; scene della Passione | Palazzo Madama
Collections

San Gerolamo penitente; san Giovanni Battista; San Giovanni Evangelista; san Giorgio; santo guerriero; Annunciazione; scene della Passione

Author
Ferrari Defendente
Subject
San Gerolamo penitente; san Giovanni Battista; San Giovanni Evangelista; san Giorgio; santo guerriero; Annunciazione; scene della Passione
Year
c. 1520-1525
Dimensions
Altezza 282 cm
Larghezza 211 cm
Medium
Tempera su tavola
Object number
0464/D
Definition
trittico
Information completeness
100%

All'inizio del Novecento il trittico era di proprietà del conte bresciano Cesare Jacini nel 1917, a Bologna (L. Mallé, 1963). L'acquisizione da Pietro Accorsi, con il concorso economico di I. Levi, G. B. De Valle e S. Simeom, fu decisa anche per integrare la collezione di Leone Fontana, donata al Museo nel 1909, che comprendeva ben 28 tavole di Defendente, tutte riconducibili a grandi politici smembrati.
Se ne ignora la provenienza originaria, forse individuabile se si potesse identificare con certezza il giovane santo guerriero con il modellino della città. L'ipotesi che si tratti di san Secondo potrebbe far supporre la provenienza da Asti, di cui il santo è patrono.
La figura centrale deriva fedelmente dal San Gerolamo datato 1520, giunto in Museo con il lascito Adele Bona (505/D), rispetto al quale il polittico in questione non deve essere molto più tardo. Qui Defendente continua a guardare alle opere del maestro Martino Spanzotti, ma i monocromi della predella, vicini agli esiti della raffinata tecnica dei vetri dorati e dipinti, si collegano alla diffusione europea delle serie sulla Passione dei grandi incisori nordici del Quattrocento.

Share your story
+

Your stories

Share your personal experience with the community, tell about anedocts, facts or emotions that this artwork reminds you about.

Links
Bibliography
Mallé L., Palazzo Madama in Torino. Le collezioni d'arte, Tipografia Torinese Editrice 1970, p. 53
Berenson B., Italian pictures of the Renaissance. Central Italian and North Italian Schools, 1968, v. I p. 105
Brizio A. M., La pittura in Piemonte dall'età romanica al Cinquecento, 1942, p. 199
Cabutti L., Mallé L., Palazzo Madama in Torino. Museo Civico d' Arte Antica, 1976, p. 32
Viale V., Torino. I Musei Civici nel 1932, 1933, pp. 15-18
Mallé L., Museo Civico d'Arte Antica. I dipinti, 1963, pp. 67-68
Mallé L., Le arti figurative in Piemonte, dalla preistoria al Cinquecento, Riv-Skf off. Villar Peruja [1973], p. 151
Mallé L., Le arti figurative in Piemonte dalle origini al periodo romantico, 1961, p. 174
Mallé L., Bollettino della Società Piemontese di Archeologia e Belle Arti. La pittura piemontese tra '400 e '500. Nuovi ritrovamenti e un vecchio problema: Martino Spanzotti e Defendente Ferrari, 1952-1953, nuova serie, p. 78 nota 2
Natale V., Piemontesi e Lombardi tra Quattrocento e Cinquecento, 1989, pp. 111, 114
Mallé L., Atti e memorie del Congresso di Varallo Sesia (settembre 1960), ripubblicato in Incontri con Gaudenzio - raccolta di studi e note su problemi gaudenziani, Torino 1969. Gaudenzio e l'orientamento della pittura piemontese nel '500, 1962, p. 43
Caramellino C., Antiche botteghe di artisti di Chivasso, 1994, p. 67
Brizio A.M., Bollettino della Società Piemontese di Archeologia e Belle Arti. Aggiunte e rettifiche agli elenchi delle pitture piemontesi, 1934, p. 55
, Palazzo Madama. Guida breve, Fondazione Torino Musei 2010, p. 55
Palazzo Madama. Guida, Editris duemila 2011, p. 67
Spanzotti Defendente Giovenone, pp. 58, 64
Il Museo Civico di Arte Antica di Torino. Opere scelte, Allemandi & C. 2006, p. 33