Sarà l'Italia: un'esperienza da condividere | Palazzo Madama
Blog

Sarà l'Italia: un'esperienza da condividere

Martedì, 31 Gennaio, 2012

La mostra "Sarà l'Italia. La Ricostruzione del Primo Senato" è stata per Palazzo Madama l'iniziativa più importante di tutto il 2011, e i 236.839 visitatori che fino ad ora hanno deciso di parteciparvi hanno ripagato lo staff del museo di tutto l'impegno profuso per questo progetto.

Gli obiettivi della mostra sono stati tanti: celebrare il 150o anniversario dell'Unità d'Italia, rendere concretamente visibile la pagina ottocentesca della storia del Palazzo, offrire ai cittadini un nuovo luogo in cui riflettere sui temi della storia, della democrazia e della contemporaneità.

Per rendere la visita più piacevole e per facilitare l'avvicinamento dei visitatori ai contenuti di "Sarà l'Italia", lo staff del museo ha creato un allestimento dotato di stimoli diversificati, in modo che ogni visitatore potesse esplorare la mostra e soddisfare la propria curiosità assecondando il proprio stile di visita preferenziale: leggendo, osservando, guardando gli audiovisivi o persino toccando alcuni oggetti evocativi della storia e dell'identità di specifici senatori.

[caption id="attachment_271" align="alignleft" width="300" caption="Leggere, osservare, fotografare: ogni visitatore ha il proprio modo di interagire con l'allestimento della mostra"][/caption]

Per consentire ai visitatori di immergersi ancor più nell'atmosfera ottocentesca, si è inoltre data loro la possibilità di sedersi sui sedili dell'aula del Senato e di esprimersi in merito a nove proposte di legge dibattute nell''800, attraverso l'utilizzo di una cabina di voto multimediale situata in uno spazio appositamente dedicato.

Per i più piccoli e i creativi di ogni età, è stata predisposta anche un'area-laboratorio in cui poter disegnare e "mettersi nei panni" dei primi italiani, indossando costumi ispirati alla moda dell'epoca.

Nel complesso, come hanno interagito i visitatori rispetto all'allestimento? Quali sono state le azioni maggiormente compiute? Cosa ha attratto maggiormente la loro attenzione? Quante persone hanno attivamente partecipato all'attività di voto?

Per rispondere a queste domande, per migliorare in futuro e per capire meglio i gusti del nostro pubblico, abbiamo condotto delle indagini osservanti, intervistato un centinaio di visitatori e analizzato il grado e il tipo di partecipazione manifestato attraverso l'attività di voto.

A partire da questa settimana, condivideremo con voi il resoconto di questa esperienza, l'esperienza di "Sarà l'Italia". Come dicono gli anglosassoni, watch this space!