Un secolo di moda. La testimonianza di Margherita Rizzi | Palazzo Madama
Blog

Un secolo di moda. La testimonianza di Margherita Rizzi

Giovedì, 25 Settembre, 2014

Mia nonna paterna, Marghera Bernini in Rizzi, era modista, aveva un negozio in Via Frejus 39, dal nome RIZZI MODE, aperto in tempo di guerra (1940) e da lei gestito sino alla sua morte, avvenuta nel 1976. E’ poi subentrata mia madre, che ha chiuso definitivamente l'attività nel 1996.

I miei ricordi di bambina (sono nata nel 1964) sono tanto legati al negozio, ci trascorrevo interi pomeriggi ad osservare il lavoro della nonna, della mamma e delle lavoranti. Spesso andavo col nonno in centro a fare commissioni per l'attività e acquistare i materiali da lavorare. Il retrobottega era gremito di velette, forme per cappelli, coni di feltro, pellicce, la nonna era abilissima, aveva le mani d'oro, creava modelli splendidi. Purtroppo e' scomparsa quando io avevo solo 12 anni, quindi non ho potuto apprendere da lei i segreti di questo bellissimo mestiere. Avevo giusto imparato a cucire i gros grain all'interno dei cappelli, o a allargare col ferro le calotte.

Nell'attività e' subentrata mia madre, che, non essendo modista, si è avvalsa della collaborazione di alcune signore; poi si sono iniziati a vendere i cappelli già fatti, che acquistavamo in atelier e aziende toscane.

 Con la chiusura dell'attività, abbiamo smantellato le attrezzature, le ultime forme di legno e i materiali d'epoca sono stati ceduti ad un antiquario, non e' rimasto che qualche modello fatto dalla nonna e qualche cappello che ancora usiamo in famiglia. 

Ricordo della nipote Giulia

Aggiungi un commento

CAPTCHA con immagine
Inserisci i caratteri visualizzati nell'immagine.