SCUOLA PRIMARIA II ciclo | Palazzo Madama
Scuole

SCUOLA PRIMARIA II ciclo

ALLA SCOPERTA DEL PALAZZO
Il percorso esplorativo del Palazzo e delle collezioni del Museo Civico, prende il via dalla Corte Medievale e dai minuziosi disegni architettonici e ed urbanistici realizzati da Francesco Corni  che offriranno gli strumenti per orientarsi nel tempo e nello spazio. I bambini parteciperanno alla scoperta delle torri romane e medievali, del cerimoniale delle Madame Reali, delle principali opere d’arte anche attraverso un taccuino dell’esploratore arricchito di mappe e immagini storiche che aiuteranno a osservare  e confrontare le differenze o le analogie esistenti tra i vari livelli dell’edificio.

SOTTOSOPRA
Un viaggio che inizia sotto i nostri piedi, dagli scavi archeologici, per scoprire la storia della città e del territorio attraverso le fasi di costruzione di Palazzo Madama, edificio che ha accompagnato la storia di Torino nel corso di 2000 anni, dal I secolo d. C. a oggi. Come una persona con l’età cresce e si trasforma, così  l’edificio con il tempo, è stato ampliato, ha cambiato aspetto e funzione: da porta della città in epoca romana, è diventato castello, residenza, sede del Senato, edificio pubblico e infine museo. Questi e altri cambiamenti hanno permesso al palazzo di mantenere un ruolo cruciale all’interno della comunità cittadina, ma hanno lasciato tracce visibili che aiuteranno a comprenderne la complessa stratificazione. Il video è provvisto di traduzione in LIS Lingua dei Segni Italiana, realizzata dall’Istituto dei Sordi di Torino.
L’attività è disponibile anche IN ONDA e IN CLASSE
Guarda il trailer:https://inonda.fondazionetorinomusei.it/didattica/sottosopra/

NATURALMENTE
Le specie botaniche raffigurate nelle sale e nelle opere di Palazzo Madama ci spingono a riflettere sulla varietà di piante ornamentali e alimentari che esistono e conosciamo, e ad associarle alle quattro stagioni dell’anno. Come artisti, i bambini utilizzeranno cartoncini colorati per creare composizioni 3D di fiori e frutti di diversi momenti dell’anno.
L’attività è disponibile anche IN ONDA e IN CLASSE
Guarda il trailer: https://inonda.fondazionetorinomusei.it/didattica/i-musei-naturalmente/

MEDITERRANEA
Attraverso le collezioni ceramiche di Palazzo Madama il percorso presenta uno dei più chiari esempi in cui le civiltà del Mediterraneo e del Medio Oriente hanno prodotto eccezionali creazioni artistiche frutto di un costante scambio di oggetti, di motivi decorativi e di tecniche. L’abilità di conferire al vasellame effetti metallici passa nel corso del Medioevo dalla Persia alla penisola iberica, e di qui in Italia per conquistare il Rinascimento italiano che porterà anche nella ceramica una nuova raffinatezza. Il Mar Mediterraneo, più che una barriera d’acqua, è stato e continua a essere un punto di incontro.
L’attività è disponibile anche IN ONDA e IN CLASSE
Guarda il trailer: https://inonda.fondazionetorinomusei.it/didattica/mediterranea-2/

SIAMO LA NOSTRA OMBRA?
Di profilo, di fronte o di tre quarti cosa cambia nel volto ritratto? Scopriamolo esplorando con attenzione l’aspetto fisico, lo sguardo e il carattere dell’uomo ritratto da Antonello da Messina nel 1476. Facciamo attenzione allo spazio scuro sullo sfondo, alla cornice sottile che lo separa dal nostro tempo e all’effetto tattile di stoffe e pelle che l’artista ci trasmette attraverso il colore e la tecnica per poi ricreare tutte le sensazioni provate utilizzando stoffa, carta e plastica in un ritratto polimaterico.
L’attività è disponibile anche IN ONDA e IN CLASSE
Guarda il trailer: https://inonda.fondazionetorinomusei.it/didattica/noi-siamo-la-nostra-ombra/

CON UN FILO               da gennaio 2023
Un filo di colore, un filo di zucchero, un filo di luce… a volte basta poco, giusto un filo per rendere tutto migliore!
Scopriamo la bellezza di tessuti, ricami e abiti attraverso il nuovo allestimento della Sala Atelier di Palazzo Madama per cogliere gli effetti visivi e tattili di un filo teso, accostato o intrecciato con altri. Le collezioni tessili custodiscono concetti e regole di matematica: ci occorreranno punti, segmenti, incrocio di linee e forme per progettare e realizzare una piccola opera d’arte fatta di filo colorato.

I COLORI DELL'ORTO
Ogni volta che si visita il Giardino Medievale c’è una novità da scoprire: l’orto, il frutteto e il giardino del principe offrono un campionario interessante di piante da osservare, raccogliere e catalogare. La classe esplorerà le aiuole dell’orto dove non crescono solo piante destinate alla cucina, ma anche medicinali, ornamentali, tessili e tintorie riconoscibili per l’aspetto, l’odore e per le sensazioni che provocano al tatto. La manipolazione di semi, foglie, fiori e frutti (secondo la stagione), permetterà ai bambini di prendere confidenza con la varietà di specie e di distinguere esemplari conosciuti da quelli meno frequenti negli orti cittadini come le piante tintorie. Il guado, la ginestra e la robbia presenti nell’orto del Castello e usati per produrre pigmenti colorati, suggeriranno la ricerca di piante (zafferano, liquirizia, melograno…) con cui i bambini creeranno i colori per dipingere ciascuno un proprio giardino.

 

PROGETTI SPECIALI         modalità, tariffe e numero di incontri da concordare

LASCIARE IL SEGNO
L'uomo parla di sé lasciando segni nei materiali che lo circondano: sul proprio corpo e sui tessuti che indossa, nel cibo che consuma a cui desidera dare una forma particolare, sui documenti che servono a stabilire e riconoscere un diritto che sfida il tempo. Attraverso una selezione di opere del museo bambini e ragazzi riconosceranno la presenza di segni replicabili grazie all'uso di stampi e matrici che impareranno a utilizzare in laboratorio sfruttando oggetti con forme e superfici diverse. Matrici per tessuto, tavolette xilografiche, pintaderas e punzoni per il cuoio sono solo alcuni degli oggetti che saranno presi in esame e che, per materiale, epoca, funzione, permetteranno di portare il discorso dall’impronta lasciata dalla mano, alla diffusione della stampa e del sapere, alla produzione seriale, al tema della copia, al senso di proprietà o di identità espresso da un marchio, all’impronta culturale e a quella ecologica.

IL VIAGGIO
Fermiamoci ad osservare gli oggetti attorno a noi: dentro ognuno di essi c’è la storia di persone e paesi, c’è la conoscenza dei materiali, la loro ricerca e lavorazione, c’è la cultura, la lingua, la religione... . Sculture e dipinti, mosaici e gioielli, strumenti scientifici e oggetti d’uso sono testimoni dello spostamento e diffusione di persone, idee, conoscenze, materiali e permettono di riflettere sul mondo inteso come spazio, ambiente, che ognuno di noi fa proprio, giorno dopo giorno, attraverso esperienze individuali e collettive per scoprire come al mondo ci siano tanti mondi quanti sono i punti di vista.

STORIE DI CARTA E DI PERGAMENA
Il libro è certamente l’oggetto-icona del Medioevo: Palazzo Madama ne racconta un pezzo di storia attraverso i codici raffigurati in alcuni dipinti, il leggio del coro di Staffarda, su cui poggiavano grandi antifonari, la raccolta di legature, la raccolta di manoscritti e miniature tra i quali l’eccezionale Libro d’Ore decorato dal fiammingo Jan van Eyck. Il progetto permette di soffermarsi su alcuni elementi particolari del libro, soprattutto relativi alla decorazione. In un continuo confronto tra il libro antico e il libro di oggi.

 

________________________________________________________

INFO  tel. 011 4429629  (da lunedì a venerdì, orario 9,30-13 e 14-16) 
madamadidattica@fondazionetorinomusei.it 

 

Potrebbe interessarti anche...