scuola primaria | Palazzo Madama
Scuole

scuola primaria

6-10 anni

PROPOSTE IN DAD, IN CLASSE, IN MUSEO

NATURALMENTE
Le collezioni e gli ambienti di Palazzo Madama presentano una ricchezza di materiali naturali che l’uomo ha saputo utilizzare per farne oggetti d’uso belli e funzionali. Una selezione di opere e ambienti dal Medioevo al Barocco – dalle cornici di finestre in terracotta agli idilliaci paesaggi del Settecento - presenterà il bisogno dell’umanità di mantenere il contatto con il mondo vegetale, le cui specie sono state rappresentate talvolta in modo estremamente mimetico, quasi in una gara di finzione che l’artista ingaggia con la natura, o secondo forme più decorative, fino ad assumere un valore simbolico. 
PER LA SCUOLA PRIMARIA I ciclo  - Cerchiamo tra le opere del museo quali  forme e materiali  il mondo vegetale ha messo a disposizione per creare gli oggetti che usiamo quotidianamente.  Attraverso la manipolazione, i bambini eserciteranno la creatività e la manualità fine piegando, sovrapponendo e  incollando sagome di vari materiali per rielaborare una colorata composizione vegetale.
PER LA SCUOLA PRIMARIA II ciclo - Le specie botaniche raffigurate nelle sale e nelle opere di Palazzo Madama ci spingono a riflettere sulla varietà di piante ornamentali e alimentari che esistono e conosciamo, e ad associarle alle quattro stagioni dell’anno. Come pittori, i bambini sperimenteranno le gradazioni di colore che scandiscono i tempi di fioritura e maturazione di fiori e frutti per creare una personale ruota delle stagioni.

Il tema può essere approfondito attraverso le proposte di GAM e MAO Museo d’Arte Orientale.

SIAMO LA NOSTRA OMBRA?
Un percorso per provare a utilizzare l’arte come momento di conoscenza di sé: una serie di ritratti di epoche diverse introducono ai cambiamenti avvenuti nel modo di rappresentare la figura umana nel corso dei secoli. Dal racconto di Plinio il Vecchio di come dal contorno di un’ombra  nasca il ritratto ai profili che compaiono su monete, sigilli e negli altari medievali fino al ritratto a mezzo busto e di tre quarti con il misterioso uomo raffigurato da Antonello da Messina. Si prosegue con il ritratto celebrativo di grandi dimensioni dei sovrani dell’Ancien Régime, per terminare con il gusto intimo e borghese che caratterizza le preziose miniature di Sette e Ottocento, più vicino alla nostra quotidiana esperienza di fotografi in erba.
PER LA SCUOLA PRIMARIA I ciclo - Qual è quella linea semplice che curvando, piegando, salendo e scendendo mette in evidenza le nostre caratteristiche e ci distingue dagli altri?
È la linea del profilo che i bambini scopriranno incisa e dipinta sulle opere in museo, esploreranno con le mani sul proprio viso e tracceranno con cartoncini e fili di lana colorata per creare il proprio ritratto.
PER LA SCUOLA PRIMARIA II ciclo - Di profilo, di fronte o di tre quarti cosa cambia nel volto ritratto? Scopriamolo esplorando con attenzione l’aspetto fisico, lo sguardo e il carattere dell’uomo ritratto da Antonello da Messina nel 1476. Facciamo attenzione allo spazio scuro sullo sfondo, alla cornice sottile che lo separa dal nostro tempo e all’effetto tattile di stoffe e pelle che l’artista ci trasmette attraverso il colore e la tecnica per poi ricreare tutte le sensazioni provate utilizzando stoffa, carta e plastica in un ritratto polimaterico.

BLU E ORO
PER LA SCUOLA PRIMARIA II ciclo - Dalla predilezione del Medioevo per il colore il percorso conduce alla scoperta di un capolavoro dell’oreficeria gotica del 1200: lo scrigno appartenuto all’ecclesiastico Guala Bicchieri. Un oggetto in cui sono ancora presenti l’immaginazione sfrenata di mostri e creature fantastiche e la quotidianità del lavoro – tipici del romanico – dove entrano in scena l’eroismo e i sentimenti amorosi della poesia cavalleresca. A tenere insieme queste due visioni del mondo i colori che indicano al tempo stesso il cielo e la regalità: il blu e l’oro.
Sarà un modo per conoscere meglio l’epoca gotica, capace di sviluppare vertiginose architetture, ma anche preziose oreficerie e delicati intagli in avorio, in cui l’artista si cimenta con le piccole dimensioni: a sorprendere in entrambe le situazioni sono sempre la perizia e l’eleganza.
Guarda il trailer: https://vimeo.com/ondemand/277530

SOTTOSOPRA. ARCHEOLOGIA A PALAZZO 
PER LA SCUOLA PRIMARIA II ciclo - Un viaggio che inizia sotto i nostri piedi per scoprire la storia della città e del territorio attraverso le fasi di costruzione di Palazzo Madama, edificio che ha accompagnato la storia di Torino nel corso di 2000 anni, dal I secolo d. C. a oggi.
Come una persona con l’età cresce e si trasforma, così l’edificio con il tempo, è stato ampliato, ha cambiato aspetto e funzione: da porta della città in epoca romana, è diventato castello, residenza, sede del Senato, edificio pubblico e infine museo. Questi e altri cambiamenti hanno permesso al palazzo di mantenere un ruolo cruciale all’interno della comunità cittadina, ma hanno anche lasciato tracce visibili che ci aiuteranno a comprenderne la complessa stratificazione.
Il video è provvisto di traduzione LIS Lingua dei Segni Italiana a cura dell’Istituto dei Sordi di Torino  https://inonda.fondazionetorinomusei.it/

MEDITERRANEA
PER LA SCUOLA PRIMARIA II ciclo - Attraverso le collezioni ceramiche di Palazzo Madama il percorso presenta uno dei più chiari esempi in cui le civiltà del Mediterraneo e del Medio Oriente hanno prodotto eccezionali creazioni artistiche frutto di un costante scambio di oggetti, di motivi decorativi e di tecniche. L’abilità di conferire al vasellame effetti metallici passa nel corso del Medioevo dalla Persia alla penisola iberica, e di qui in Italia per conquistare il Rinascimento italiano che porterà anche nella ceramica una nuova raffinatezza. Il Mar Mediterraneo, più che una barriera d’acqua, è stato e continua a essere un punto di incontro.
Guarda il trailer: https://vimeo.com/ondemand/palmadamamediterranea/463732431

 

PROPOSTE IN MOSTRA

IL RINASCIMENTO EUROPEO DI ANTOINE DE LONHY ( 7 ottobre 2021-9 gennaio 2022)
La mostra punta a ricomporre la figura di Antoine de Lonhy, un artista poliedrico che fu pittore, miniatore, maestro di vetrate, scultore e autore di disegni per ricami, e ne illustra l’impatto straordinariamente importante per il rinnovamento del panorama figurativo del territorio dell’attuale Piemonte nella seconda metà del Quattrocento. Venuto a contatto con la cultura fiamminga, mediterranea e savoiarda, de Lonhy fu portatore di una concezione europea del Rinascimento, caratterizzata dalla capacità di sintesi tra diversi linguaggi figurativi.
PER LA SCUOLA PRIMARIA I ciclo - Come sono vestiti i personaggi dipinti da Antoine de Lonhy? Osserviamo i mantelli, gli abiti, i copricapo e facciamo un confronto con il nostro guardaroba per scoprire l’importanza dei colori, l’eleganza delle pieghe e i motivi che animano i tessuti.  Gli elementi naturali presenti sui tessuti dipinti daranno lo spunto per lavorare sul concetto di ordine e disordine con forme di cartoncino colorato.
PER LA SCUOLA PRIMARIA I e II ciclo - Cosa significa essere un artista? Scopriamolo attraverso la vita e le opere di Antoine de Lonhy: un artista a tutto tondo che conosceva le tecniche e i materiali per creare dipinti, vetrate e miniature. Come nella bottega dell’artista i bambini sperimenteranno la preparazione del colore a tempera con pigmenti e leganti naturali.

MARGHERITA REGINA D'ITALIA (17 febbraio -26 giugno 2022)
Margherita di Savoia, la prima regina dell’Italia unita. Con la propria popolarità, contribuì a costruire il sentimento di identità della nazione intorno alla corona dei Savoia. La mostra racconta la vita di Margherita attraverso gli arredi delle sue residenze, improntati dal ridondante gusto Louis XV della corte di Napoleone III, il suo essere modello di eleganza, la sua passione per la lettura, per la musica e per la montagna. Illustra inoltre il suo costante appoggio alle attività a sostegno delle donne, le scuole professionali, la beneficenza. Dopo la morte di Umberto, Margherita, libera dal ruolo rappresentativo passato alla nuora Elena di Montenegro, poté dedicarsi con maggiore attenzione al suo interesse per l’arte, frequentando con assiduità la biennale di Venezia e le esposizioni
PREVIEW PER INSEGNANTI 24 febbraio 2021, ore 17
PROGETTO PER LA SCUOLA PRIMARIA - Scuole, ospedali e strade prendono il nome di Margherita, una regina che, visitando i quartieri popolari, gli ospedali, gli istituti scolastici, aveva saputo conquistare l’affetto di tutti. Individuando gli edifici, i monumenti e le strade della città che ricordano la Regina e il suo tempo, la classe inizierà una ricerca odonomastica che si estenderà al proprio quartiere per tracciare una mappa della città a loro misura.

 

PROPOSTE IN MUSEO

LA CASA PIU' GRANDE DEL MONDO
I ciclo - 
Dai disegni dei bambini e dal loro concetto di casa, spazio vissuto o luogo magico, inizia l’esplorazione del palazzo che, così importante per dimensioni e storia, è stato anche abitazione.
Dall’atrio all’appartamento di Madama Reale, un percorso per immaginare e costruire case divertenti con un collage di forme colorate.

SBAFFI DI CIOCCOLATA 
I ciclo - 
Chi ha inventato la cioccolata? Scopriamo  la storia di un alimento prelibato attraverso gli oggetti conservati in museo: dal metate in pietra usato per la macinazione delle fave di cacao alle raffinate tazze e cioccolatiere per le tavole dei signori. Un’attività sensoriale  per conoscere le origini della cioccolata e utilizzarla come ingrediente di profumati dipinti.

IL MOSAICO PIXEL DELL'ANTICHITA'
II ciclo - 
Il mosaico proveniente dalla cattedrale di Acqui è un esempio dell’abilità degli artisti medievali e della loro capacità di reimpiegare materiali recuperati da monumenti antichi, ma è un sistema di rappresentazione grafica che sperimentiamo tutti i giorni con le immagini sul PC trasformate in pixel. Nel percorso in Museo si analizzerà l’opera, soffermandosi sulla tecnica e sul mistero che ancora avvolge il racconto. In laboratorio verrà realizzato un piccolo mosaico.

C'E' UN LEONE!
I e II ciclo - 
Con lo sguardo dolce come quello che accompagna san Gerolamo o impetuoso come il leone che affronta Ercole.
Un percorso alla scoperta del re della foresta attraverso le collezioni del museo e l’installazione luminosa “Hic sunt Leones” di Elisa Bertaglia.

 

IL GIARDINO

IL GIARDINO TRA LE MANI
I e II ciclo - 
Raccogli una manciata di colori d’autunno, di profumi diffusi dall’aria di primavera, di forme piene, maturate al caldo d’estate: come per magia avrai tra le mani un giardino fatto di fiori, bulbi, foglie, semi e bacche. Una raccolta di elementi naturali che i bambini potranno stropicciare, annusare scuotere e disegnare in un laboratorio sensoriale per scoprire e riconoscere le piante del giardino anche in inverno.  

 

INFO  tel. 011 4429629  (da lunedì a venerdì, orario 9,30-13 e 14-16) 
madamadidattica@fondazionetorinomusei.it 

 

Potrebbe interessarti anche...