Arte e industria a Torino. L'avventura Lenci. | Palazzo Madama
Eventi & Mostre / Palazzo Madama

Palazzo Madama

Arte e industria a Torino. L'avventura Lenci.

PROROGATA AL 22 AGOSTO

da 23 Marzo 2010 a 22 Agosto 2010

La mostra "Arte e Industria a Torino L'AVVENTURA LENCI Ceramica d'arredo 1927-1937" attualmente in corso a Palazzo Madama è stata accolta con favore ed entusiasmo dal pubblico.
75.109 persone hanno visitato l'esposizione, ma non solo: molti torinesi hanno contattato il museo per avere informazioni e materiali di approfondimento, oppure per condividere notizie ed esperienze personali e familiari legate alla storica fabbrica torinese. Segno, questo, del profondo legame che lega la cittadinanza con la storia della manifattura, e conferma dell'opportunità di dedicare una retrospettiva alla produzione ceramica di Lenci.
La Fondazione Torino Musei ha pertanto deciso di prorogare la chiusura dal 27 giugno a domenica 22 agosto per permettere ai visitatori che saranno a Torino durante l'estate, ma anche ai torinesi che rimarranno in città, di poter cogliere l'opportunità di ripercorrere "l'avventura Lenci".

Continuano anche le attività "Intorno a Lenci": aperitivi con visite guidate, laboratori per famiglie e percorsi autonomi in mostra.

Calendario dei prossimi appuntamenti:

ATTIVITÀ PER I GIOVANI VISITATORI
Per i bambini che visitano la mostra con mamma e papà sono disponibili schede didattiche gratuite, in distribuzione nello spazio dedicato alle famiglie: un luogo dove ci si può fermare a disegnare, imparare qualcosa di nuovo o riprendere fiato. Attraverso un simpatico contrassegno posto accanto all'opera da cercare, la scheda guida i bambini lungo il percorso espositivo con brevi testi, indovinelli e giochi, spiegando in modo semplice e divertente il mondo colorato delle ceramiche Lenci. I bambini troveranno poi fogli, matite colorate e tutto l'occorrente per progettare, attraverso il disegno, nuove forme, figure e paesaggi seguendo l'esempio degli artisti che hanno lavorato alla produzione Lenci. Non è richiesta prenotazione.

APER-IN-MOSTRA
Un modo nuovo di visitare la mostra abbinando un fresco aperitivo a un percorso guidato: l'aperitivo offre infatti l'opportunità unica di visitare la mostra in esclusiva in orario preserale.
Euro 10 (Abbonamento Torino Musei Euro 8). Non è richiesta prenotazione.
10 luglio • 17 luglio • 24 luglio • 14 agosto • 21 agosto - ore 18.30-21

VISITE GUIDATE PER ADULTI
Il primo martedì del mese alle ore 16.30 è possibile conoscere il variegato mondo Lenci con un percorso guidato da storici dell'arte.
Ingresso gratuito, visita guidata € 3. Prenotazione consigliata.
6 luglio • 3 agosto - ore 16.30

Palazzo Madama, Museo Civico d'Arte Antica, Fondazione Torino Musei e la Consulta per la valorizzazione dei beni artistici e culturali di Torino promuovono una mostra dedicata alla manifattura Lenci, in particolare alla produzione ceramica di piccole e grandi sculture d'arredo create nei laboratori torinesi della Lenci tra il 1927 e il 1937.
A partire dal 1927 la ditta Lenci, fino a quel momento nota per le bambole e gli arazzi in pannolenci, iniziò a produrre opere in ceramica. La mostra presenta la produzione realizzata nel primo e più significativo periodo, fino al 1937, dopo il quale l'attività si fece ripetitiva e si assestò su alcuni modelli che avevano incontrato un grande successo di mercato. Si tratta, dunque, di un segmento temporale breve - circa dieci anni - molto ricco e variegato nelle intenzioni stilistiche e nelle scelte tematiche, che permette inoltre di rileggere la ricchezza del tessuto artistico torinese negli anni tra le due guerre mondiali.
Il periodo degli Anni Venti-Trenta è chiara rappresentazione dell'idea - da più parti espressa, ma ben sintetizzata da Umberto Eco - che l'Italia senza Torino sarebbe stata assai diversa (mentre, sostiene sempre lo scrittore di Alessandria, non è dato essere vero il contrario). Un paradosso che parimenti si esprime in termini culturali e di cultura d'industria e che, all'origine, tiene conto di una lista di fattori che includono il superamento della perdita del titolo di capitale, la presenza d'una borghesia appassionata di innovazione, la qualità umana che trova posto nella pubblica amministrazione, la ripartenza dalla crisi postbellica, la circolarità culturale tra Accademia, Politica e Imprenditoria e la condivisione intellettuale - negli anni di Gramsci e Gobetti, di Agnelli e Gualino, di Lionello Venturi e Casorati - dell'atteggiamento positivista che fida in un progresso materiale guidato da scienza e tecnica. Proprio l'attività del marchio Lenci è emblematica della volontà di coniugare - con originalità e proposta - due poli come Arte e Industria, nell'occasione valutati tutt'altro che contrapposti o incompatibili. E il compendio di questa fortunata congiuntura è proprio la sottigliezza della vicenda imprenditoriale Lenci, che trasforma una serie d'intuizioni sul gusto contemporaneo in un'azienda da 600 dipendenti. Una storia le cui dinamiche e i cui esperimenti vanno approfonditi, per capire come dalla contiguità tra pensiero, ideazione e azione imprenditoriale possano nascere valori inattesi. E per restituire a una miriade di familiari, multicolori oggetti della memoria come le sculturine Lenci, quella "profondità di campo", quella provenienza d'intuizione intellettuale di cui sono meritoria testimonianza.L'originalità della manifattura Lenci sta nell'aver coinvolto nell'ideazione e nella produzione ceramica, artisti anche molto diversi tra di loro. Mario Sturani, Giovanni e Ines Grande, Elena Scavini, Felice Tosalli, Gigi Chessa, Sandro Vacchetti, Abele Jacopi, Nillo Beltrami, Claudia Formica sono i nomi che hanno dato lustro alla produzione Lenci, proponendo soluzioni personalissime e molto riconoscibili, alcune più innovative e connesse all'arte contemporanea italiana ed europea, da Parigi a Vienna, altre legate alle tradizioni popolari. Grazie al loro lavoro, nacque una scultura d'arredo che ebbe grande successo nel mercato nazionale e internazionale, sostenuto dalla presenza della manifattura torinese alle più importanti esposizioni di quel decennio.
Le sculture Lenci divengono oggetti "alla moda" , coprendo un'ampia fascia di mercato, veri e propri status symbol della borghesia dei pieni anni Venti e primi anni Trenta, in alternativa alle forme algide e aristocratiche del Déco internazionale. Queste sculture incarnano un gusto moderno, che apprezza i soggetti popolari di Grande, le fantasie giocose e ironiche di Sturani, le "signorine grandi firme" di Scavini e i nudi novecentisti di Chessa. La mostra, allestita grazie ai prestiti di collezionisti privati, che rendono eccezionalmente disponibili al pubblico pezzi altrimenti preclusi alla visione, propone oltre 100 sculture in ceramica, affiancate da numerosi gessi preparatori, disegni e bozzetti che permetteranno al pubblico di apprezzare la qualità artistica della produzione Lenci e di coglierne le diverse fasi produttive, da quella creativa degli artisti alla realizzazione industriale.La mostra è a cura di Valerio Terraroli, dell'Università di Torino, e di Enrica Pagella, direttore di Palazzo Madama - Museo Civico d'Arte Antica. Il catalogo, pubblicato dalla casa editrice Umberto Allemandi di Torino, per la sua completezza e per la scientificità delle informazioni, è destinato a divenire il principale oggetto di consultazione e informazione relativo alla produzione Lenci del periodo in oggetto. LA CONSULTA PER TORINO
La Consulta è nata nel 1987 con lo scopo di contribuire a valorizzare e a migliorare la fruibilità del patrimonio storico-artistico torinese. Il principio ordinatore dell'iniziativa è la rinuncia, nell'occasione, alla priorità d'identità del singolo marchio, privilegiando una struttura di rete di sostegno e proposta, che favorisca l'arricchimento culturale del pubblico e la valorizzazione degli scenari artistico-produttivi dell'area torinese. Le 29 aziende e gli enti ogni anno mettono a disposizione una cifra a favore della loro Città: sono stati investiti più di 20 milioni di euro e sono stati realizzati oltre 25 interventi, in collaborazione con le istituzioni e gli Enti di tutela.
Le scelte sono effettuate in base ai criteri di rilevanza e urgenza dell'intervento, rapidità e certezze autorizzative di realizzazione, cadenza annuale o biennale e ritorno d'immagine. I 29 Soci della Consulta sono: Alleanza Toro, Armando Testa, Burgo Group, Buzzi Unicem, Camera di Commercio Industria Artigianato e Agricoltura di Torino, Compagnia di San Paolo, Deloitte & Touche, Ersel, Exor, Ferrero, Fiat, Fondazione Crt, Fondiaria-Sai, Garosci, G. Canale & C., Gruppo Ferrero-Presider, Intesa San Paolo, Italdesign-Giugiaro, Italgas, Lavazza, Marco Antonetto Farmaceutici, Martini & Rossi, Marsiaj, Pirelli, Reale Mutua Assicurazioni, Skf, Telecom Italia, Unione Industriali di Torino, Vittoria Assicurazioni.

Altri materiali:
I COLORI DI LENCI I disegni dei bambini realizzati in mostra
INTORNO A LENCI attività per scuole e famiglie, materiali da scaricare
BILANCIO DI FINE MOSTRA

Palazzo Madama / Informazioni

Orari

Lunedì, mercoledì, venerdì, sabato e domenica dalle 10 alle 18
Giovedì dalle 13 alle 21
Martedì chiuso
La biglietteria chiude un’ora prima

Il museo garantisce una visita in piena sicurezza, nel rispetto delle normative anti-Covid
La prenotazione è consigliata ma non obbligatoria al numero 011 5211788 o via mail a ftm@arteintorino.com
Prevendita: TicketOne

 

In caso di eventi straordinari, notti bianche, festività, gli orari possono subire variazioni.
Controlla la sezione news per gli ultimi aggiornamenti.

Biglietti

Collezioni permanenti
Intero: € 10
Ridotto: € 8
Gratuito: minori 18 anni, Abbonamento Musei Torino, Torino + Piemonte card

è sospesa la gratuità del primo mercoledì del mese.
Le tariffe possono subire variazioni in presenza di mostre temporaneee.

Scopri le tariffe del museo

Acquista online il biglietto

Enti convenzionati

Biglietto multimuseo

 

 

Dove si trova
Palazzo Madama