Adorazione del Bambino a lume di notte | Palazzo Madama
Collezioni

Adorazione del Bambino a lume di notte

Autore
Ferrari Defendente
Soggetto
Adorazione del Bambino a lume di notte
Anno
1510
Dimensioni
Altezza 37 cm
Larghezza 27 cm
Profondità 1,5 cm
Materiale e Tecnica
tecnica mista su tavola
Inventario
0512/D
Definizione
dipinto
Completezza informazioni
100%

Acquistata dall'antiquario Carlo Gherardi, la tavoletta era una delle opere più importanti della collezione Fontana, entrata nel Museo nel 1909 con il cospicuo dono del Cavalier Vincenzo Fontana.
La lunga fortuna critica del dipinto, citata sia per l’eccezionale qualità pittorica e stilistica, sia per la presenza dell'anno di esecuzione, il 1510, ne fa una delle opere più note del Museo. Già Viale, nel ’39, ne sottolineava i raffinatissimi effetti luministici; Mallé, nel 1971, cita come precedente la Navità notturna ora al Fogg Museum, seppur come esempio al quale Defendente guarda, discostandosene però quasi totalmente. Si devono a G. Romano (1996) i riferimenti alla cultura nordica, filtrati a Defendente attraverso la miniatura o le incisioni. E’ ancora G. Romano (1990) che, riferendosi alla Natività ora a Berlino (Staatliche Museen zu Berlin, Gëmaldegalerie), di un anno successiva, rileva come il soggetto non sia una Natività, ma più propriamente un'Immacolata Concezione, nella variante francescana. L'iconografia, con piccole varianti, e l’inquadramento della scena si ritrovano sia nella nostra Natività, sia in quella delle collezioni del Fogg Museum, sia ancora in quella conservata a Berlino. Si può ipotizzare che l’origine di questo modello sia un’incisione con la Natività di Martin Schongauer, forse mediata dalla copia fatta da Nicoletto da Modena.
La data certa costituisce un importante punto fermo nella difficile ricostruzione cronologica dell’iter defendentesco, situando l'opera in un momento ancora molto vicino al discepolato presso Martino Spanzotti. Soprattutto in questa fase di esordio, Defendente pare mostrare un'attenzione verso il mondo della pittura nordica, particolarmente evidente nella preziosa gamma cromatica e nell'esecuzione quasi calligrafica, che verrà in seguito abbandonata.

Racconta la tua storia
+

Le Vostre Storie

Condividi la tua esperienza e raccontaci le curiosità, gli aneddoti e le emozioni che ti legano a quest'opera.

Bibliografia
Mallé L., Palazzo Madama in Torino. Le collezioni d'arte, Tipografia Torinese Editrice 1970, pp. 53-54
Berenson B., Italian pictures of the Renaissance. Central Italian and North Italian Schools, 1968, v. I p. 104
Brizio A. M., La pittura in Piemonte dall'età romanica al Cinquecento, 1942, pp. 61, 199
Cabutti L., Mallé L., Palazzo Madama in Torino. Museo Civico d' Arte Antica, 1976, p. 32
Romano G., Casalesi del Cinquecento. L'avvento del manierismo in una città padana, 1970, p. 12
Il Tesoro della Città. Opere d'arte e oggetti preziosi da Palazzo Madama, catalogo della mostra (Stupinigi), a cura di S. Pettenati e G. Romano, Torino 1996, p. 19
Romano G., Dizionario Biografico degli Italiani. Ferrari Defendente, 1996, v. 46, pp. 537-541
Viale V., Mostra del Gotico e del Rinascimento in Piemonte, 1939, p. 92
Mallé L., Museo Civico d'Arte Antica. I dipinti, 1963, pp. 59-60
Mallé L., Le arti figurative in Piemonte, dalla preistoria al Cinquecento, Riv-Skf off. Villar Peruja [1973], pp. 149-150
Pettenati S., Soffiantino M.P., Storia Illustrata di Torino. Il Museo d'Arte Antica, 1994, v. IX p. 2448
Viale V., Palazzo Madama (I Tesori, 9), 1966, s.n.
Mallé L., Le arti figurative in Piemonte dalle origini al periodo romantico, 1961, pp. 171, 173
Berenson B., North Italian Painters of the Renaissance, 1907, p. 207
Mallé L., Bollettino della Società Piemontese di Archeologia e Belle Arti. La pittura piemontese tra '400 e '500. Nuovi ritrovamenti e un vecchio problema: Martino Spanzotti e Defendente Ferrari, 1952-1953, nuova serie, pp. 78, 101, 104
Romano G., Soprintendenza alle Gallerie e alle Opere d'Arte del Piemonte. Recuperi e nuove acquisizioni, 1975, p. 18
Brizio A.M., L'Arte. Defendente Ferrari da Chivasso, 1924, pp. 219, 228, 246
Berenson B., Italian pictures of the Renaissance, 1932, p. 189
Berenson B., Pitture italiane del Rinascimento, 1936, p. 163
Galetti U./ Camesasca E., Enciclopedia della Pittura Italiana, 1951, p. 916
Barbavara G.C., Arte Sacra. Brevi notizie su due Antichi Pittori Piemontesi (Defendente De Ferrari da Chivasso e Gandolfino de Roretis da Asti), 1898, p. 25
Venturi A., Storia dell'arte italiana. La pittura del Quattrocento, 1915, p. 1120
Viale V., Defendente Ferrari di Chivasso, 1954, p. 7
Viale V., Studies in the History of Art dedicated to William E. Suida on his eightieth birthday. Schedule su Defendente Ferrari, 1959, pp. 231-232
Piemontesi e Lombardi tra Quattrocento e Cinquecento, 1989, p. 105
Natale M., La Renaissance en Savoie. Les arts au temps du duc Charles II (1504-1553), 2002, p. 99
Griseri A., Bollettino della Società Piemontese di Archeologia e Belle Arti. Un'aggiunta per la giovinezza di Gerolamo Giovenone e di Defendente Ferrari, 1952-1953, n.s., p. 142
Passoni R., The Dictionary of Art. Ferrari, Defendente, 1996, v. 11 p. 11
Weber S., Kunstlerlexikon. Ferrari, Defendente, 1915, p. 443
Dizionario enciclopedico Bolaffi dei pittori e degli incisori italiani dall'XI al XX secolo. Ferrari, Defendente, 1973, p. 372
Passoni R., La pittura in Italia. Il Cinquecento. La pittura in Piemonte nel primo Cinquecento, 1988, p. 37
Perosino M., La pittura in Italia. Il Cinquecento. Ferrari, Defendente, 1988, v. II p. 712
Passoni R., Antichi Maestri Pittori. Quindici anni di studi e ricerche, 1993, p. 161
Caramellino C., Antiche botteghe di artisti di Chivasso, 1994, pp. 55, 59, 67
Giovanni Gerolamo Savoldo, tra Foppa, Giorgione e Caravaggio, 1990, pp. 275-276
Palazzo Madama. Guida, Editris duemila 2011, pp. 65-66
Corti e Città. Arte del Quattrocento nelle Alpi occidentali, catalogo della mostra (Torino, 2006), a cura di Pagella E., Rossetti Brezzi E., Castelnuovo E., Milano 2006, pp. 454-455
Napoleone e il Piemonte. Capolavori ritrovati, catalogo della mostra (Alba, 2005), a cura di B. Ciliento e M. Caldera, Savigliano 2005, p. 206
Spanzotti Defendente Giovenone, p. 53
Defendente Ferrari a Palazzo Madama. Studi e restauri per il centenario della donazione Fontana,