battaglia con soldati a cavallo | Palazzo Madama
Collezioni

battaglia con soldati a cavallo

Autore
Busti Agostino detto il Bambaja
Soggetto
battaglia con soldati a cavallo
Anno
1515-1523
Dimensioni
Altezza 35 cm
Larghezza 68 cm
Profondità 6,5 cm
Materiale e Tecnica
marmo
Inventario
0461/PM
Definizione
lastra
Completezza informazioni
100%

Insieme con la lastra 462/PM e i pilastri 463-464-465-466/PM proviene dal monumento funebre del condottiero Gaston de Foix, morto eroicamente l'11 aprile 1512 a Ravenna nella battaglia tra i Francesi e la Lega Santa. Dopo il trionfale ingresso di Francesco I a MIlano, avvenuto l'11 ottobre 1515, il corpo di Gaston de Foix, già inumato nel Duomo, fu trasferito nella chiesa di Santa Marta, dove il governatore di Milano Odet de Foix decise con l'appoggio del re di Francia di innalzare il monumento al cugino Gaston. Nel 1525, con la definitiva perdita del ducato milanese da parte dei Francesi, i lavori si interruppero: nel suo testamento redatto il 29 aprile 1528 il Bambaja parla di un debito con il re di Francia per il monumento e lascia tutti i marmi non utilizzati alla Fabbrica del Duomo di Milano. La tomba, in parte ricostruita a partire da un disegno conservato al Victoria & Albert Museum di Londra, era già dispersa nel 1568: attualmente la statua del condottiero, altre figure e alcuni rilievi si trovano a Milano, presso la Biblioteca Ambrosiana e il Castello Sforzesco; altri frammenti sono divisi tra il Victoria & Albert Museum e il Museo del Prado di Madrid.
I rilievi del Museo sono individuabili probabilmente fra i "bassi rilievi della sepoltura di Gaston di foes" contenuti in quattro casse inventariate nelle collezioni sabaude fin dal 1631. Le lastre, scolpite con perizia magistrale, rappresentano soggetti militari ispirati a esemplari romani e attestano la profonda conoscenza della scultura classica da parte del Bambaia, artista già a quel tempo già celebre tra i contemporanei.

Racconta la tua storia
+

Le Vostre Storie

Condividi la tua esperienza e raccontaci le curiosità, gli aneddoti e le emozioni che ti legano a quest'opera.

Bibliografia
Bava A. M., Antichi e moderni: la collezione di sculture, in Le collezioni di Carlo Emanuele I di Savoia, a cura di G. Romano, Torino 1995, p. 155
Il gusto per l'antico a Milano tra regime sforzesco e dominazione francese,
Agosti G., Bambaia e il classicismo lombardo, 1990,
Agostino Busti detto il Bambaia 1483 - 1548, Castello Sforzesco 1990,
Fiorio M. T., Bambaia, catalogo completo delle opere, 1990, pp. 27-72
Sacchi R., Novara da scoprire 3. Bambaia autore del monumento Langhi: documenti e disegni ritrovati, 1991, pp. 44 - 54
Mallé L., 1965, p. 175
Le monument funèbre de Gaston de Foix. Etude des matériaux employés par Agostino Busti dit le Bambaja,
Palazzo Madama. Guida, Editris duemila 2011, p. 81
Il Museo Civico di Arte Antica di Torino. Opere scelte, Allemandi & C. 2006, p. 16