Crocifissione | Palazzo Madama
Collezioni

Crocifissione

Autore
Mossettaz Stefano
Titolo opera
Crocifissione
Soggetto
Crocifissione
Anno
c. 1418-1420
Dimensioni
Altezza 71 cm
Larghezza 32 cm
Profondità 10 cm
Materiale e Tecnica
alabastro gessoso scolpito e dipinto
Inventario
0414/PM
Definizione
pannello di polittico
Completezza informazioni
100%

Faceva forse parte di un polittico marmoreo a più scomparti centrato sul tema della Passione di Cristo; in alto a sinistra è ancora visibile l’attacco di una centina ora perduta; la policromia del fondo è originale, e la coloritura è stata data ad azzurrite.
Già riferita a Giacomo Jaquerio, l’opera è ora attribuita alla produzione giovanile dello scultore Stefano Mossettaz e va messa in rapporto con un importante gruppo di sculture e oreficerie prodotte ad Aosta fra Tre e Quattrocento, tutte influenzate dal linguaggio jaqueriano e dalla cultura franco-fiamminga e francese.Entrato in Museo con un’attribuzione a scuola inglese della fine del XIV secolo (Viale 1932), il rilievo è stato inquadrato all’interno del panorama figurativo valdostano da Giovanni Romano, che vi è tornato in ripetuti interventi dal 1979 al 2001, fino all'attribuzione alla fase giovanile di Stefano Mossettaz, scultore, architetto e ingegnere ducale, documentato in Valle d'Aosta dal 1420 al 1450 circa. Riferimenti espliciti all’opera dello scultore appaiono nei volti degli angeli (non distanti dal viso del Bambino della Madonna di Arvier) e in alcuni dettagli, quasi “marchi di fabbrica” dell’artista: la piega a vescica e la maniera di risvoltare le maniche della veste del san Giovanni che ritornano nell’abito del chierico orante in Sant’Orso, o gli elementi decorativi di fondo che richiamano quelli presenti sull’abbigliamento dei gisants di Ogier Moriset e di Francesco di Challant nella cattedrale di Aosta, nonché sulla corona della Madonna di Arvier. Lo sfondo sembra avvalorare una data più precoce rispetto alle lastre con la santa Caterina dell’Accademia di Sant’Anselmo e con il Cristo di Pietà della cattedrale, del 1440 circa, che abbandonano il motivo a rombi qui utilizzato per un più naturalistico tralcio vegetale.
Bisogna peraltro sottolineare come sotto alcuni aspetti la scena della Crocifissione assuma intonazioni non facilmente riscontrabili nell’opera di Mossettaz a noi nota. A questo proposito, risultano singolari le proporzioni sottili e allungate delle figure ai piedi della Croce, rivestite di morbidi panneggi che si abbandonano a terra con meandri sinuosi. Sembra quasi che in questa occasione il maestro abbia fatto riferimento a modelli che in parte ci sfuggono, da lui non più ripresi in seguito. Non possiamo escludere ad esempio una suggestione di natura tipologica proprio di polittici in alabastro inglesi, spesso recanti al centro la scena della Crocifissione, ma non sappiamo se qualcuno dei numerosi altari in alabastro di cui riferiscono le visite pastorali compiute in Valle d’Aosta possa essere identificato con opere di questo tipo che venivano importate dall’Inghilterra in tutta Europa. L’ipotesi non esaurisce comunque il discorso in merito alle complesse componenti culturali che agiscono sul rilievo, una delle quali è sicuramente quella jaqueriana, evidente nella drammaticità dell’insieme e nel panneggio più morbidamente “internazionale” rispetto alla consueta produzione del nostro scultore. Presenze importanti in tal senso sono la Crocifissione del Messale Moriset nonché quella del castello di Fénis la cui datazione è situata attorno al 1420. Tenuto conto di questi riferimenti, la data del rilievo potrebbe essere situata a cavallo tra secondo e terzo decennio del XV secolo.

Racconta la tua storia
+

Le Vostre Storie

Condividi la tua esperienza e raccontaci le curiosità, gli aneddoti e le emozioni che ti legano a quest'opera.

Bibliografia
Giacomo Jaquerio e il Gotico Internazionale, catalogo della mostra (Torino, Palazzo Madama, aprile-giugno 1979), a cura di E. Castelnuovo e G. Romano, Torino 1979, p. 239
Orlandoni B., La devozione in vendita. Appunti per un' indagine sulla consistenza originaria e sulla dispersione del patrimonio artistico gotico, in D. Vicquéry, La devozione in vendita. Furti di opere d'arte in Valle d'Aosta, Roma 1987, p. 34
La memoria del potere e i segni della famiglia. Contributo per un lapidario del Museo Civico di Alba, p. 357
Passoni R., Bollettino d'Arte. Sul gotico tardo ad Aosta: il ruolo dei committenti, Ministero dei Beni Culturali e Ambientali 1984, pp. 25, 32-33, 36, nota 62
Natale V., Vittorio Natale, Non solo Canavesio. Pittura lungo le Alpi Marittime alla fine del Quattrocento, in Gi. Romano (a cura di), Primitivi piemontesi nei musei di Torino, Torino 1996, pp. 39-109, pp. 178-179
Il Tesoro della Città. Opere d'arte e oggetti preziosi da Palazzo Madama, catalogo della mostra (Stupinigi), a cura di S. Pettenati e G. Romano, Torino 1996, p. 11
Orlandoni B., La produzione artistica durante il tardo Medioevo, in M. Cuaz (a cura di), Aosta. Progetto per una storia della città, Quart 1987, p. 264
Mallé L., 1965, p. 137
Romano G., Tra Gotico e Rinascimento. Scultura in Piemonte. Stefano Mossettaz (?) 1410-1420, 2001, pp. 66-67
Romano G., Gotico sulle vie di Francia. Stefano Mossettaz (?) 1410-1420, 2002, pp. 90-91
Romano G., in Sculpture gothique dans les Etats de Savoie 1200-1500, catalogo della mostra (Chambéry), Chambéry 2003, pp. 62-64
Romano G., La scultura dipinta. Arredi sacri negli antichi Stati di Savoia. Ouvres d'art sacré dans les Etats de savoie 1200.1500, 2004, pp. 78-79, 160
Piretta S., Corti e città. Arte del Quattrocento nelle Alpi occidentali. scheda n. 142, Skira 2006, p. 255
Baiocco S., Arte in Piemonte. Il gotico. Jaquerio e il Gotico Internazionale, Priuli & Verlucca 2003, pp. 95-96
Palazzo Madama. Guida, Editris duemila 2011, p. 56
I musei civici nel 1931, pp. 25, 27
Raccolta di scritti, that is Collected Writings, p. 417 nota 3
Le arti figurative in Piemonte dalle origini al periodo romantico, p. 94
Palazzo Madama in Torino, vol. II, pp. 140-141
,
Orlandoni B., Gli affreschi del castello di Fénis. Il linguaggio, la cultura, l'autore, in B. Orlandoni e D. Prola (a cura di), Il castello di Fénis, Aosta 1982, p. 110
Orlandoni B., I mausolei degli Challant di Fénis nella chiesa di San Francesco. Alcune ipotesi per una storia della scultura gotica internazionale in Valle d'Aosta, in La chiesa di San Francesco in Aosta, catalogo della mostra (Aosta, 1986), a cura di B. Orlandoni, Torino 1986,
Stefano Mossettaz architetto, ingegnere e scultore. La civiltà cortese in Valle d'Aosta nella prima metà del Quattrocento, pp. 350-357
L'äge d'or. Saggi e materiali su Stefano Mossettaz e sul tardo Medioevo in Valle d'Aosta, pp. 52, 151