Legatura su manoscritto membranaceo | Palazzo Madama
Collezioni

Legatura su manoscritto membranaceo

Autore
miniatore bolognese
Titolo opera
Legatura su manoscritto membranaceo
Soggetto
Legatura su manoscritto membranaceo
Anno
ca. 1280
Dimensioni
Altezza 390 mm
Larghezza 245 mm
Profondità 110 mm
Materiale e Tecnica
tempera; inchiostro su pergamena; legno; pelle
Inventario
0454/M
Definizione
Bibbia

Legatura su assi in legno di conifera con orientazione verticale spesse mm 15 bisellate esternamente sui quattro lati. Due intaccature rettangolari con inizio sul bordo esterno del piatto superiore ospitano le estremità di due fibbie fissate con quattro chiodini a testa piatta; sul piatto inferiore traccia di fermaglio metallico con contrograffa. Il dorso presenta otto nervi doppi paralleli in pelle allumata che penetrano nel labbro interno dell'asse attraverso fori con preparazione ellittica e forma rotonda; gli alloggiamenti sulla faccia interna dei piatti sono rettangolari, allineati, paralleli; i nervi sono fissati all'estremità con cunei di legno a base quadrata.
Della coperta originale colorata in rosso si conservano pochi lacerti incollati sulla faccia interna delle assi; la coperta del dorso è mancante. Tracce di pergamena manoscritta incollata sul piatto superiore.
È l’unico manoscritto duecentesco all’interno della raccolta di codici miniati del museo costituitasi alla fine dell’Ottocento e ricca di testimonianze del XV secolo. Le sue miniature, di notevole qualità, vanno ricondotte ad un miniatore bolognese della seconda metà del XIII secolo, con una formazione che tiene conto della cultura bizantineggiante emiliana (per i panneggi e le fisionomie delle figure), e del nuovo linguaggio gotico cavalleresco di matrice francese (le scene di guerra dell’Antico Testamento trasformate in giostre medievali); mentre le belle drôleries (scenette di genere, animali, figure buffonesche) disseminate lungo il testo costituiscono un tratto tipico della miniatura bolognese del Duecento. Il codice esemplifica assai bene la situazione della Valle Padana nel XIII secolo, un’area nella quale poterono incontrarsi e dar luogo a significativi incroci - in pittura, scultura, oreficeria e miniatura - la cultura figurativa bizantina e quella occidentale.

Racconta la tua storia
+

Le Vostre Storie

Condividi la tua esperienza e raccontaci le curiosità, gli aneddoti e le emozioni che ti legano a quest'opera.

Bibliografia
Conti A., La miniatura bolognese. Scuole e botteghe 1270-1340, 1981, p. 28
Schoenburg Vailati G., La miniatura Italiana in età romanica e gotica. Alcuni codici bolognesi del XIII sec. della Biblioteca Nazionale di Torino, 1979, pp. 32-342
Castelfranco G., "Bologna". Contributi alla storia della miniatura bolognese del '200, 1935,
Il codice miniato, 21, 28, 35, 38, 48
Museo Civico d'Arte Antica di Torino. Legature, p. 25
La legatura medievale,
Alcuni codici bolognese del XIII secolo della Biblioteca Nazionale di Torino, p. 0342