navicella | Palazzo Madama
Collezioni

navicella

Autore
bottega di Trapani
Soggetto
navicella
Anno
XVI secolo seconda metà
Dimensioni
Altezza 5,5 cm
Larghezza 4 cm
Spessore 1,5 cm
Materiale e Tecnica
oro; smalto; corallo; perle
Inventario
0002/ORI
Definizione
gioiello
Completezza informazioni
100%

Quello che un tempo si riteneva essere un gioiello lombardo del Cinquecento è oggi invece riconosciuto come opera di una manifattura trapanese, raro esemplare proveniente dalle raccolte dei duchi di Savoia. Il piccolo pendente, di pochi centimetri d’altezza, è realizzato con materiali preziosi: la carena e l’albero di trinchetto sono in corallo scolpito, i marinai sono in oro e smalto verde, rosso, bianco e blu come i castelli di prua e di poppa, l’albero di mezzana è in oro con tre perle. Il corallo, presente nella mitologia come nell’immaginario popolare per le sue presunte virtù scaramantiche e taumaturgiche, era usato frequentemente, fin dal medioevo, per gli ornamenti e in particolare per i pendenti. La lavorazione del corallo a Trapani, già ricordata da alcuni viaggiatori arabi nel XII secolo, è caratterizzata dall'unione con altri materiali, dal rame dorato agli smalti policromi, preferibilmente bianchi e blu. Questi ultimi sono tipici anche dell'oreficeria e compaiono infatti sul nostro pendente, ove la pasta vitrea è interrota da tondini aurei sul bianco e bianchi sul blu. La produzione aulica di monili a forma di veliero, sia pendenti sia orecchini, è diffusa nell'area mediterranea dal XVI alla metà del XVII secolo e continua in Sicilia fino al XVIII secolo.

Racconta la tua storia
+

Le Vostre Storie

Condividi la tua esperienza e raccontaci le curiosità, gli aneddoti e le emozioni che ti legano a quest'opera.

Bibliografia
Pettenati S., in Il Tesoro della Città. Opere d'arte e oggetti preziosi da Palazzo Madama, catalogo della mostra (Stupinigi), a cura di S. Pettenati e G. Romano, Torino 1996, p. 86
Castronovo S., Arnaldi di Balme C., I coralli nelle collezioni sabaude: una ricognizione delle fonti inventariali e delle raccolte museali piemontesi, in Rosso corallo. Arti preziose della Sicilia barocca, catalogo della mostra (Torino, 29 luglio-28 settembre 2008), a cura di Arnaldi di Balme C. e Castronovo S., Cinisello Balsamo (MI) 2080, p. 42 e nota 34
Palazzo Madama. Guida, Editris duemila 2011, p. 112
Di Natale M. C., "Ars corallariorum et sculptorum coralli" a Trapani, in Rosso corallo. Arti preziose della Sicilia barocca, catalogo della mostra (Torino, 29 luglio-28 settembre 2008), a cura di C. Arnaldi di Balme e S. Castronovo, Cinisello Balsamo (Mi) 2008, p. 21