orecchino | Palazzo Madama
Collezioni

orecchino

Autore
arte longobarda
Anno
VI/VII
Dimensioni
Altezza 3.4 cm
Diametro 2.6 cm
Larghezza 1.2 cm
Materiale e Tecnica
oro
Inventario
0007/ORI
Definizione
orecchino

Gli orecchini del tipo 'a cestello' vanno confrontati con i numerosi esemplari affini ritrovati in Italia in tombe longobarde. Si vedano in particolare gli orecchini del Museo Civico di Pavia che si distinguono da quelli di Torino soltanto per una maggiore complessità del 'coperchio', dotato di alveoli circolari al centro e triangoli ai lati. Secondo Peroni gli orecchini a cestello sono un tipico esempio di rielaborazione tardoantica-altomedievale (A. Peroni, Oreficerie e metalli lavorati tardoantichi e altomedievali del territorio di Pavia, Spoleto 1967, p. 141, tav. 5 a colori e tav. XXVII). Cfr. allegato. Recentemente gli orecchini sono stati assegnati al VI secolo (O. von Essen, 1990, p. 226).

Racconta la tua storia
+

Le Vostre Storie

Condividi la tua esperienza e raccontaci le curiosità, gli aneddoti e le emozioni che ti legano a quest'opera.

Bibliografia
Mallé L., Palazzo Madama in Torino. Le collezioni d'arte, Tipografia Torinese Editrice 1970, p. 400
Viale V., Bollettino del Centro di Studi Archeologici e Artistici del Piemonte. Recenti ritrovamenti archeologici a Vercelli e nel vercellese. Il tesoro di Desana, 1941, pp. 35-36
Von Essen O., I Longobardi. Orecchini a cestello in oro da Borgomanesio, 1990, p. 226