piatto | Palazzo Madama
Collezioni

piatto

Autore
Castellani Torquato
Titolo opera
paggio
Soggetto
Giovane innamorato
Anno
1881
Dimensioni
Diametro 46 cm
Materiale e Tecnica
maiolica
Inventario
1100/C
Definizione
piatto
Descrizione

Grande piatto con al centro figura di giovane uomo in atto di camminare, affiancato dalla scritta "ama".Bordo del cavetto decorato con girali di fiori e tesa ornata con il motivo a penne di pavone. Sul retro, dipinto in nero: "18TC81 ROMA"

L'opera è una riproduzione con varianti del piatto già in collezione di Alessandro Castellani, documentato nel catalogo della vendita all'asta del 1884 e ora conservato presso il Musée du Louvre, inv. OA 2624, databile al 1470-1490, e attribuito a bottega di Montelupo (si veda Giacomotti, Jeanne, Catalogue des majoliques des musées nationaux, [Paris, musée du Louvre ; Paris, musée de Cluny ; Sèvres, musée national de céramique ; Limoges, musée Adrien-Dubouché], Paris, Éditions des musées nationaux, 1974, p. 20, n° 64; Bresc-Bautier, Geneviève (dir.), Renaissance. Révolutions dans les arts en Europe, 1400-1530, cat. exp. (Lens, Musée du Louvre-Lens, 12 décembre 2012 - 11 mars 2013), Paris, Somogy éditions d'art, 2012, p. 296, p. 297, n° 205).
Il retro reca la sigla di Torquato Castellani (TC) inframmezzata alla data "1881" e seguita dal luogo di produzione "Roma". Torquato Castellani (Roma 1846-1931), figlio di Alessandro, orafo e collezionista, intraprese la carriera di ceramista, prima a Napoli, poi a Roma, e partecipa con i suoi lavori a varie esposizioni internazionali ottenendo vari riconoscimenti. Si dedica in particolare alla riproduzione di opere del XV e XVI secolo
(cfr. G.C. De Feo, La ceramica delle famiglie Castellani e Fabri: opere da una collezione, Vetralla 2016)

Racconta la tua storia
+

Le Vostre Storie

Condividi la tua esperienza e raccontaci le curiosità, gli aneddoti e le emozioni che ti legano a quest'opera.

Bibliografia
Pettenati S., Studi di storia dell'arte in memoria di Mario Rotili. La ceramica all'Esposizione Nazionale Italiana del 1884, 1984, TAV. CCLXXXI, fig. 2, p.575