scene di caccia | Palazzo Madama
Collezioni

scene di caccia

Autore
Manifattura medicea
Soggetto
scene di caccia
Anno
1574-1578
Dimensioni
Altezza 38 cm
Larghezza 22,5 cm
Materiale e Tecnica
porcellana tenera dipinta
Inventario
3023/C
Definizione
orciolo
Completezza informazioni
100%

I primi tentativi di produrre porcellana in Europa furono compiuti a Firenze dai Medici, che possedevano una raccolta di oltre 400 pezzi cinesi. Francesco I de' Medici, dedito a ricerche alchimistiche e naturalistiche, fu particolarmente interessato a questi esperimenti: nella manifattura del Casino di San Marco, sulla via Larga, impiantata all’inizio degli anni Settanta del XVI secolo e affidata alla conduzione di esperti artigiani della maiolica che provenivano da Faenza e da Urbino, si riuscì finalmente a fabbricare una porcellana a pasta tenera, che nel decoro blu dipinto sottocoperta imitava la porcellana cinese della dinastia Ming, unendo ai motivi orientali la più alta cultura ceramica dell'Italia rinascimentale, con grottesche o scene talvolta tratte da incisioni.
Il vaso appartiene a questa preziosa produzione, di cui si conservano oggi soltanto una sessantina pezzi custoditi nei principali musei del mondo. Sotto il piede la marca mostra la cupola di Santa Maria del Fiore e la lettera F, monogramma del granduca Francesco.
La foggia dell'orciolo deriva forse da un'idea dell'architetto e decoratore manierista Bernardo Buontalenti, che fornì diversi disegni per vasi in cristallo di rocca e pietra dura; una brocca simile, con stemma Medici-Asburgo, si conserva al Detroit Institute of Arts. Un piatto mediceo al Kunstgewerbemuseum di Berlino è affine nella decorazione al nostro orciolo.

Cfr. allegati. Per confronti stilistici cfr.: G. Liverani, La maiolica italiana sino alla comparsa della porcellana europea, Milano, Electa, 1958, pp. 32-33. A. lane, La porcellana italiana, Firenze, Sansoni, 1963, (ed. inglese 1954)

Racconta la tua storia
+

Le Vostre Storie

Condividi la tua esperienza e raccontaci le curiosità, gli aneddoti e le emozioni che ti legano a quest'opera.

Bibliografia
Mallé L., Palazzo Madama in Torino. Le collezioni d'arte, Tipografia Torinese Editrice 1970, v. II, p. 282
Levy S., Le porcellane italiane, 1960,
Raccolta di scritti That is collected Wrings. Porcellana medicea e ceramica fiorentina, pp. 401-409
Mottola Molfino A., L'arte della porcellana in Italia, 1976,
Viale V., Faenza. Una porcellana medicea al Museo Civico di Torino, 1940, pp. 73-78
Pettenati S., Torino sconosciuta o dimenticata. Una fragile passione: Le manifatture di porcellane in Piemonte, 1998, p. 214
, Palazzo Madama. Guida breve, Fondazione Torino Musei 2010, p. 78
Palazzo Madama. Guida, Editris duemila 2011, pp. 136-137
Le ceramiche di Palazzo Madama. Guida alla collezione, p. 75
Pettenati S., La porcellana tra Cina ed Europa, in I tesori d'arte del palazzo imperiale di Shenyang, catalogo della mostra (Stupinigi, 1989-1990), a cura di,
Il Museo Civico di Arte Antica di Torino. Opere scelte, Allemandi & C. 2006, p. 76