parte di ancona d' altare | Palazzo Madama
Collections

parte di ancona d' altare

Author
Maestro della Madonna di Oropa (bottega)
Subject
storie di santa Maria Maddalena
Year
XIV secolo secondo quarto
Dimensions
Altezza 143 cm
Larghezza 205 cm
Profondità 16 cm
Medium
legno di cembro scolpito in controvena dipinto e dorato
Object number
1053/L
Definition
parte di ancona d' altare
Information completeness
100%
Descrizione

Parte centrale di un'ancona d'altare a sportelli terminante in alto con tre grandi cuspidi decorate da gattoni. La narrazione si sviluppa su due registri con andamento bustrofedico: a partire da sinistra in basso si susseguono la Cena in casa di Simone, le Marie al sepolcro e il Noli me tangere; nel registro superiore figurano, da destra, la Penitenza, l’Ultima Comunione, la Morte e l’Ascesa in cielo.

Il rilievo costituiva la parte centrale di un grandioso altare a sportelli che, aperto, raggiungeva la larghezza di circa quattro metri.
L'opera appartiene a un cospicuo gruppo di rilievi istoriati e statue coerenti dal punto di vista stilistico e provenienti dalla Valle d’Aosta, che tra la fine dell'Ottocento e l'inizio del Novecento, quando molte chiese della Valle rinnovarono i propri arredi, passarono sul mercato antiquario ed entrarono in Museo. L’insieme è stato concordemente datato alla metà del Trecento fino a quando, sviluppando un suggerimento di G. Romano (1979), E. Rossetti Brezzi lo ha ricondotto alla maniera della Vergine del santuario di Oropa, verosimilmente donata al santuario dal vescovo di Vercelli, il valdostano Aimone di Challant, in occasione della consacrazione della chiesa di Santa Maria di Oropa nel 1294. La produzione di questa grande bottega, che a cavallo del secolo dovette produrre paliotti, ancone e croci da arco trionfale destinate a chiese sparse su tutto il territorio della Valle, rappresenta l'aggiornamento subalpino alle suggestioni del linguaggio gotico maturo proveniente dalla Francia settentrionale. Oltre ai tratti fisionomici dei volti, dall'identica espressione sorridente e un po' vaga, dati formali ricorrenti nella produzione di questo atelier sono l'estrema raffinatezza dell'intaglio e l’attenzione minuziosa per i dettagli descrittivi, come i tessuti decorati: ne emerge un repertorio straordinario di stoffe preziose, ornate da minuti motivi geometrici, che costituiscono – assieme all'intensa cromia dominata dai toni del rosso arancio, verde e azzurro accanto al bianco – la cifra caratteristica della bottega. La cronologia prossima al 1295 proposta dalla Rossetti Brezzi per i rilievi più antichi della serie, tra cui quest’ancona e il paliotto proveniente da Courmayeur anch’esso in Museo (1063/L), è stata recentemente messa in discussione da M. Tomasi (2013), che la posticipa al secondo quarto del Trecento sulla base dei dati della moda e dei confronti con le pale d’altare francesi del XIV secolo, analogamente caratterizzate dal formato rettangolare allungato, dalla scansione delle scene tramite elementi architettonici, dalla complessità delle composizioni e la ricchezza di dettagli narrativi.
La qualità del manufatto fa supporre una committenza di prestigio. La provenienza da Carema, piccolo centro del Canavese ai confini della Valle d'Aosta, suggerisce l'ipotesi suggestiva che l'ancona sia collegata ai Vallaise, la famiglia nobile valdostana che dall'inizio del XIII secolo deteneva il feudo di Carema. La devozione particolare dei Vallaise per santa Maria Maddalena è attestata dalla cappella del castello di Arnad, da quella di Ville e da quella di Estillan a Pont-Saint-Martin, poco lontano da Carema, tutte sedi comunque troppo ristrette per ospitare un altare così monumentale; va ricordato, d'altra part, che al centro degli interessi della famiglia furono per secoli le chiese parrocchiali di Arnad e di Perloz. Altri possibili committenti potrebbero essere individuati nei Castruzzone, signori locali legati a quell'epoca ai vescovi di Aosta.
Il pezzo fu collocato nel gennaio 1930 nella cappella della Rocca Medievale al Valentino e restituito a l Museo il 5 ottobre 1934.

Share your story
+

Your stories

Share your personal experience with the community, tell about anedocts, facts or emotions that this artwork reminds you about.

Links
Bibliography
Gotico e Rinascimento in Piemonte, 1939,
Mallé L., Le sculture del Museo Civico d'Arte Antica, 1965, p. 90
Rossetti Brezzi E., in Il Tesoro della Città. Opere d'arte e oggetti preziosi da Palazzo Madama, catalogo della mostra (Stupinigi), a cura di S. Petenati e G. Romano, Torino 1996, pp. 9-10
Giacomo Jaquerio e il Gotico Internazionale, pp. 246-248
Rossetti Brezzi E., Gotico in Piemonte. Le vie del Gotico in Valle d'Aosta, CRT 1992, pp. 329-331, 341-345
Museo Civico di Torino. Sezione Arte Antica. Cento tavole riproducenti circa 700 oggetti pubblicate per cura della Direzione del Museo,
Dipinti e sculture, 1988,
Tra Gotico e Rinascimento. Scultura in Piemonte., pp. 34-35
Gotico sulle vie di Francia. Opere dal Museo Civico di Torino, pp. 68-71
Pagella E., Il Palazzo Madama. Museo Civico d'Arte Antica, Umberto Allemandi & C. 2008, pp. 73-74
, Palazzo Madama. Guida breve, Fondazione Torino Musei 2010, p. 45
Palazzo Madama. Guida, Editris duemila 2011, p. 53
Cattedrale di Aosta Museo del Tesoro. Catalogo, p. 178
La scultura lignea italiana, p. 110
Diocesi e Comune di Aosta, p. 386
Tra Serra d'Ivrea, Orco e Po, pp. 120-126
Le arti figurative in PIemonte, p. 93
Arte e committenti in Aosta: problemi trecenteschi e verifiche sul gotico internazionale, p. 242
Alta moda del Trecento: ptoblemi di datazione, 95-100
Carema terra di vino e di emozioni, pp. 33-36