PROROGATA: Il collezionista di meraviglie. L'Ermitage di Basilewsky | Palazzo Madama
Events & Exhibitions / Palazzo Madama

Palazzo Madama

PROROGATA: Il collezionista di meraviglie. L'Ermitage di Basilewsky

dal 7 giugno al 13 ottobre 2013 - prorogata al 3 novembre 2013

June 7, 2013 to October 13, 2013

Considerato il notevole successo di critica e di stampa e l'interesse con cui i visitatori hanno accolto la mostra “Il Collezionista di Meraviglie. L’Ermitage di Basilewsky” in corso a Palazzo Madama, la Fondazione Torino Musei ha deciso di prorogare la chiusura dell’esposizione dal 13 ottobre al 3 novembre 2013. 

In questi primi quattro mesi di apertura la mostra è stata visitata da 63.222 persone, con una media di circa 600 visitatori al giorno. Ancora qualche giorno di tempo per permettere, a chi non ne avesse ancora avuto l’opportunità, di visitare questa mostra che racconta, attraverso una scelta di capolavori, una delle raccolte di arti decorative più ricche d’Europa. 

Il Museo Civico di Torino fu istituito dall’Amministrazione Comunale e aperto al pubblico nel 1863. Dal suo nucleo originario, inizialmente situato in via Gaudenzio Ferrari, nei pressi della Mole Antonelliana, si sono sviluppati la Galleria Civica d’Arte Moderna (1895) e il museo di Palazzo Madama (1934). Le sue collezioni hanno largamente contribuito alla nascita del Museo Nazionale del Risorgimento Italiano (1938) e del Museo d’Arte Orientale (2008). La ricchezza del suo patrimonio si deve, oltre che alle ininterrotte campagne di acquisto da parte della città, anche ai doni di grandi collezionisti e conoscitori come Emanuele d’Azeglio (1816-1890), Leone Fontana (1836-1905), Ettore de Fornaris (1898-1978). 

Per celebrare i 150 anni di vita dei Musei Civici torinesi Palazzo Madama propone una mostra che è un omaggio al grande collezionismo, dedicata a Alexander Basilewsky, figura eminente della storia ottocentesca del collezionismo europeo, grazie alla collaborazione con il Museo Statale Ermitage di San Pietroburgo.
La mostra propone un percorso attraverso l’arte europea del Medioevo e del Rinascimento, con una selezione di ottantacinque opere, provenienti dalla collezione di Alexander Basilewsky, molte delle quali mai più esposte in Occidente da quando lasciarono la Francia nel 1885.

La possibilità di ammirare a Torino una selezione della collezione Basilewsky, da sempre custodita nelle sale dell’importante istituzione museale russa, è la prima di una serie di scambi culturali che fa seguito a un protocollo di collaborazione, siglato a Torino a febbraio 2012, tra la Città di Torino, la Fondazione Torino Musei e il Museo Emitage, poi ratificato ufficialmente il 15 novembre scorso con l’Accordo di Cooperazione tra la Città di Torino e il Governatorato di San Pietroburgo. Un  accordo di collaborazione che consente un inedito confronto sul terreno della ricerca e su quello della valorizzazione dei grandi patrimoni museali pubblici, una delle radici identitarie della storia e della memoria culturale dell’Occidente.

MAIN PARTNER: INTESA SANPAOLO

 La mostra
Dal IV secolo a metà del Cinquecento, da Bisanzio alla Spagna, dalla Francia alla regione del Reno e della Mosa, all’Italia, la collezione Basilewsky, tra le più ricche e straordinarie formatesi nel corso dell’Ottocento, offre l’opportunità unica di attraversare secoli di storia e di arte, radunando alcuni dei capolavori più alti nel campo delle arti decorative - intaglio in avorio, smalti limosini, maiolica italiana – e offrendo un ampio ventaglio di tecniche e di stili. Per l’età Medievale, sono documentati soprattutto oggetti d’uso liturgico provenienti da chiese e monasteri: calici, reliquiari, croci, pissidi, flabelli (ventagli liturgici), piatti di legature per codici manoscritti, trittici, piccole statue; accanto a questi, anche  manufatti di uso profano, come i vetri dipinti a oro di età paleocristiana, i dittici consolari, i cofanetti, e un raro corno da caccia (olifante).
Tra i capolavori, è doveroso segnalare almeno la celebre cassetta reliquiario di santa Valeria, con figure policrome su fondo dorato, e la croce detta di Friburgo, mirabile creazione del gotico francese di inizio Duecento.
Le arti del Rinascimento sono rappresentate dagli smalti dipinti di Limoges, con eccellenti, luminosi esemplari delle botteghe di Pierre Raymond e dei Penicaud, e dalle maioliche italiane. Queste si presentano come una raccolta nella raccolta, altamente rappresentativa della produzione cinquecentesca nella penisola, con opere di Casteldurante, Deruta, Gubbio, Urbino, e con capolavori firmati dai maestri Nicola da Urbino, Giorgio da Gubbio e Xanto da Rovigo. Completano la sezione, alcuni pezzi d’eccezione della ceramica francese, di cui Basilewsky fu tra i primi collezionisti: le cosiddette “faiences de Saint-Porchaire” e le ceramiche di Bernard Palissy e della sua cerchia. Alexander Basilewsky (1829-1899)  «Le roi des collectionneurs». Questo fu per i suoi contemporanei Alexander Petrovich Basilewsky.
Nato in Ucraina nel 1829 da una nobile famiglia russa di proprietari terrieri e uomini d’arme, si trasferì a Parigi negli anni sessanta, come membro del corpo diplomatico e dopo aver prestato servizio in India, in Cina e a Vienna. L’incontro con il principe Soltykoff, raffinatissimo raccoglitore di arte medievale, fu determinante per il nascere della sua passione collezionistica, fino ad allora dedicata alle armi orientali. Divennero suoi consiglieri per gli acquisti Alfred Darcel,  il futuro direttore del Musée de Cluny, e il critico Edouard Bonnefé. In pochi anni, grazie a una considerevole fortuna personale, Basilewsky fu in grado di raccogliere una collezione unica al mondo, composta per la gran parte da rarissimi esemplari della prima arte cristiana e da stupefacenti e preziosi oggetti del Medioevo e del Rinascimento europeo: oreficerie, avori, smalti, vetri, ceramiche, tessuti, arredi lignei, provenienti da altre collezioni prestigiose o acquistate direttamente da monasteri e chiese in Francia, Austria, Svizzera, Italia. Con successo espose le gemme della sua raccolta alle Esposizioni Universali parigine del 1865, del 1867, del 1878. Un imponente catalogo dato alle stampe nel 1874, corredato di tavole a colori, una sorta di vademecum delle arti decorative, fece conoscere al pubblico quei capolavori. La sua casa al 31 della rue Blanche, nel IX Arrondissement, fu a Parigi il punto di riferimento per artisti, conoscitori e amatori d’arte. Per avversi mutamenti di fortuna, nel 1885 Basilewsky mise all’asta i suoi tesori. Lo zar Alessandro III colse l’occasione per acquistare in blocco la raccolta immediatamente prima della vendita (ben 762 lotti) al prezzo esorbitante di sei milioni di franchi. 
La collezione fu trasferita a San Pietroburgo al Museo imperiale dell’Ermitage, dove, tranne alcuni oggetti venduti in epoca staliniana a musei stranieri (inglesi e americani soprattutto, tra cui la celeberrima Situla Basilewsky del Victoria and Albert Museum di Londra), si conserva tuttora. 

SCARICA LA CARTELLA STAMPA .PDF (circa 4Mb)

PERCORSI E ATTIVITA' PER IL PUBBLICO

Uffici Stampa

Città di Torino
Carla Piro Mander
T 011 4421976 M 349 4162902  
carla.piro@comune.torino.it

Fondazione Torino Musei
Daniela Matteu - Tanja Gentilini
T 011 4429523
 daniela.matteu@fondazionetorinomusei.it
ufficio.stampa@fondazionetorinomusei.it

Villaggio Globale International
Antonella Lacchin
T 041 5904893 M 335 7185874
a.lacchin@villaggioglobale.191.it

Palazzo Madama / Information

Opening times

Monday, Wednesday, Thursday, Friday, Saturday and Sunday: 10 AM - 6 PM
Closed on Tuesday - The ticket office is open until one hour before closing time. Last admission to the museum at 5 p.m.

Booking your visit is recommended but not mandatory: telephone +39 011 5211788 or email ftm@arteintorino.com
Buy your ticket Online: TicketOne

In case of extraordinary events, public holidays, museum opening times could change: please check the news section of the site
Tel. +39.011.4433501
contact us

Tickets

Full € 10
Reduced € 8
Free entry
for minors 18 years of age
Torino + Piemonte card

Buy your ticket online

Where is it
Palazzo Madama